Passa ai contenuti principali

Amore un corno

Adesso ne sparo una che non mi renderà certo popolare tra gli innamorati.


Prima però voglio dare il giusto tributo – sincero – all’innamoramento.

Forse qualcuno potrà dire che il culmine della sua esperienza è stato il raggiungimento di un obiettivo economico. Lo so che non si tratta tanto dei soldi, quanto della sfida e dell’impegno. È l’eccitazione dell’avventura che riesce. Il tripudio di aver raggiunto un proprio obiettivo.
Ma la maggior parte delle persone che conosco – e io con loro – hanno provato il culmine dell’esperienza del vivere quando sono stati innamorati e ricambiati.


A fronte di questa esperienza tutte le cose belle della vita sono acquerelli.

Il sogno di un amore vero e grande abita i nostri cuori. 
Anche quando il realismo ci fa concludere che non è più l’epoca, la stagione, anche allora resta nel cuore come l’eco di un richiamo fortissimo, ideale.

Se domando a molte persone – soprattutto donne – qual è il loro sogno, mi rispondono: l’amore. Un vero amore. Un grande amore.
Incontrare l’uomo o la donna della propria vita disegna un quadro che rappresenta per molti il massimo.

Ed ecco la doccia fredda.


Io sono arrivata alla conclusione che la propria Leggenda Personale non può essere definita come l’incontro con un partner d’amore. 
Non che questo sia poco. Anzi, è moltissimo.
 Ma la propria Leggenda Personale ci mette in contatto con una dimensione diversa. Una dimensione che travalica di molto anche la più bella storia d’amore che possiamo desiderare.

La propria Leggenda Personale concerne il dono che abbiamo ricevuto e il dono che abbiamo da dare alla vita.
 Non è rinchiusa nei confini della dedizione che possiamo offrire alla persona unica che amiamo.
 È una dedizione che sfonda ogni confine.
 Che ti fa sentire figlio dell’universo e libero da ogni contratto, impegno, patto, e passione.

Puoi abbandonare padre e madre, marito, moglie e figli per seguire la tua chiamata personale.
 E anche l’amore più appassionato può apparire una piccola isola nel tuo viaggio.

Perciò io dico a me stessa e a te: ama, ama appassionatamente, ed esulta se sei ricambiato. Ma non lasciare che questo grande amore diventi oppio della tua coscienza.
 Nella tua Leggenda Personale c’è una grandezza che va oltre.
 E non ti sentirai appagato se la definisci soltanto come l’incontro del tuo grande amore.

La tua Leggenda Personale ha finestre e porte spalancate.
 Non ti lascia stare tranquillo sulla sedia della tua cucina, come nel letto della tua passione.




 

Commenti

  1. Amore un corno... l'amore serve sempre e non ci sono docce fredde che cancellino qiuesta necessità.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E col pensiero io vado

Vieni, questa sera, con i tuoi piedini che suonano la tromba delle scale. Entra nell’abbraccio della mia casa. Aprirò la finestra e ti farò l’amore accarezzato dal vento delle stelle. Assaporerò i tuoi seni come pesche di vigna e le mie mani navigheranno sulle onde dell’oceano di dolcezza che tu sei. Cercherò le favole in mezzo ai tuoi capelli e respirerò la tua anima nel tuo respiro. Le mie reni sono sature di libidine di vita e le mani anelano a sollevare ogni velo. Tu sei la vita succulenta. E, benché ebbro, stordito e confuso dal nettare che trasuda la tua pelle, io sono io, pienamente consapevole, pieno, tondo, intenso e sano. E tu sei tu, lunare e luminosa.  

Sinfonia monocromatica

Il fascino evocativo del bianco e nero. Il monocromatico. Immagino un ambiente abitativo, o uno studio creativo, con quattro o cinque di questi quadri, capaci di evocare quel pizzico di erotismo che condisce sapientemente le attività mentali, di ideazione, di progettazione. Il nostro approccio alla vita, parlo di quello quotidiano, quello che si esprime nel modo in cui e con l’umore con cui affrontiamo i compiti e le decisioni operative di ogni giorno è in fondo l’invenzione del nostro rapporto personale con la vita, la composizione musicale della nostra sinfonia.    

Non so capacitarmi

Eppure, non so capacitarmi, non so capacitarmi. Tutti parlano di consapevolezza, oggi. Le filosofie orientali. E io mi dico: consapevolezza? Ma quale? A me sembra di vivere sempre nel dormiveglia. Chiamalo sonno, piuttosto. Chiamalo sonno. È come essere sempre nel dormiveglia. E te n’accorgi. E si va avanti nel dormiveglia. E anche questo è bello. La consapevolezza è qualcosa che chiama. Ma io sono nel dormiveglia. Per questo non so capacitarmi. Eppure.. Eppure si può andare avanti. Le cose capitano. Tu muovi le mani e le braccia. E cerchi. Come se tra un po’ ti potessi risvegliare. E allora vedrai tutto, in piena luce. Ma per ora, vai avanti, anche se non sai capacitarti…