Passa ai contenuti principali

Prediche

Mi trovo, come tutti, invischiata in schemi d’interpretazione e comportamento che vengono dal passato. Ma sento il bisogno di esser io e di aprirmi una strada autonoma e sensata. Dotata di valore. Valore sentito.


Le prediche che vengono dal passato mi sembrano prigioni. 

Catone il Censore non è tra i miei idoli. 


La guida, allora, è dentro: il sogno e la consapevolezza. E la coscienza.  


E la necessità (e il desiderio) di esplorare, tentare, scommettere. 

Per la gioia di essere al mondo.


C’è chi studia il mondo – e io gliene sono grata. E c’è chi studia se stesso - e io sono di questi.


Io credo nella vita che va avanti. E faccio la mia parte. Senza ascoltare prediche.

 





 


Commenti

  1. Bisogna ascoltare (quasi) tutto quello che viene da fuori, ma tenere solo quello che risuona dentro.

    RispondiElimina
  2. Fermarsi non aiuta a meno che la benzina non sia finita.

    RispondiElimina
  3. Carina come immagine, ma... se capitasse di fare uno starnuto...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Ti voglio bene

Vivere sulla terra è un dormiveglia. La mente è nell’empireo, tra le idee platoniche. Ma è qui che tutto avviene. È qui che traffichi e lavori e ti dai da fare. Ma tutte queste cose non sono una fogna perché hai un cielo in cui i desideri dell’anima guardano. Cerca prima il regno dei cieli e tutto il resto ti sarà dato! Una bella sfida, non è vero. Ma non è qui il fascino dell’incanto? Fai alcune mosse con le mani e dal cilindro esce il coniglio.

E se lo facessi

C'è una dose massiccia di ambiguità nelle cose e forse è ciò che le rende interessanti.

Territori intriganti

 – Com’è bello essere vivi in questo novembre luminoso. Il vento ha spazzato l’aria con energia. E c’è una luce che non sai distinguere dove finisce l’anima e dove comincia il cielo. Più o meno pensava cose del genere, Henry, mentre scendeva le scale. Ed era un respiro fantastico quello che sentiva aprirgli i polmoni. – Ma chi cazzo me lo fa fare di arrovellarmi l’animo in questo modo? – più o meno. E poi, d’improvviso: Ma con chi parlo quando parlo da solo? Il marmo liscio delle scale lo riportava sulle Alpi Apuane. Chissà perché? Quello scenario tra cielo e mare, tutto fatto di bianco, che sembrava neve anche in estate.
E gli venne in mente Enrietta.
 Ricordava perfettamente il pagliaio in cui si erano sdraiati. Enrietta, non te ne andare! Enrietta aveva sempre gli occhi umidi, anche quando rideva. Enrietta era una freccia puntata sull’Altrove. Ricordava bene quel pagliaio. E cosa doveva dire? Che era il gusto del suo corpo che gli era entrato dentro? Certe donne hanno un gusto inten