Passa ai contenuti principali

I vantaggi dell'ignoranza

Le grandi domande che risuonano da sempre nella nostra mente, quelle domande alle quali la risposta attesa non arriva mai, rivelando la nostra ignoranza di fondo, aprono lo spazio vuoto per la nostra messa in atto, per l’invenzione del nostro rapporto con la vita.
So di non sapere: posso inventare.

 



 


Commenti

  1. L'ignoranza è comoda a volte... basta che non sia quella della legge.

    RispondiElimina
  2. bellissimo vestitino!

    RispondiElimina
  3. hai un bellissimo gusto anche nel vestire

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

E se lo facessi

C'è una dose massiccia di ambiguità nelle cose e forse è ciò che le rende interessanti.

Dialogo di marionette

— Perché, mia piccola regina, mi fate morire di freddo? Il re dorme, potrei, quasi, cantarvi una canzone, ché non udrebbe! Oh, fatemi salire sul balcone! — Mio grazioso amico, il balcone è di cartapesta, non ci sopporterebbe! Volete farmi morire senza testa? — Oh, piccola regina, sciogliete i lunghi capelli d’oro! — Poeta! non vedete che i miei capelli sono di stoppa? — Oh, perdonate! — Perdono. — Così? — Così...? — Non mi dite una parola, io morirò... — Come? per questa sola ragione? — Siete ironica... addio! — Vi sembra? — Oh, non avete rimpianti per l’ultimo nostro convegno nella foresta di cartone? — Io non ricordo, mio dolce amore... Ve ne andate... Per sempre? Oh, come vorrei piangere! Ma che posso farci se il mio piccolo cuore è di legno? Sergio Corazzini, Dialogo di marionette

Pensare in modo nuovo

Ci sono trappole nel linguaggio. S’impara a riconoscerle un po’ per volta. Betty Edwards – una maestra fantastica nell’arte del disegno – diceva: “Quando ad un bambino dici che quello è un cane, smetterà di guardarlo”. Ormai ha un nome. E col nome un concetto. E le parole si mettono insieme. La logica è il loro campo magnetico d’aggregazione. Ne nasce un quadro di significati. L’occhio si sposta sul quadro e, pigramente, non ritorna a ciò che ha visto e che potrebbe continuare a guardare. Allora nascono le definizioni, e la voglia di vivere si veste di quelle definizioni come di vestiti al pranzo di gala della cultura. E ci sono i maestri di cerimonie. E i galatei. A questo punto hai perso il contatto.