Passa ai contenuti principali

Riposare accanto al grande albero

Disse: Noi umani, siamo esseri d’immaginazione.
Il che, più o meno, voleva dire che i nostri comportamenti, quello che facciamo, e quello che speriamo, e quello che desideriamo, dipendono da idee e pensieri che abbiamo in testa.
In altri termini, il nostro mondo, la qualità della nostra vita, nasce dai pensieri che coltiviamo. In questo senso, tutto dipende alla mente. O dal pensiero.
Cioè, non è vero che viviamo immersi ottusamente nel mondo oggettivo. Ma alle cose che capitano, agli eventi, noi diamo la forma che immaginiamo nella testa.
E questa roba che avviene nella testa noi possiamo coltivarla. Ci possiamo mettere le mani sopra e dargli una forma, se vogliamo.
La qualità delle nostre esperienze, di quello che viviamo e di quello che facciamo, può essere generata dai pensieri che scegliamo di coltivare.




Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fuoco silvano

Incendio d’autunno.
 Il bosco e l’acquitrino. Il carice, gli sfagni, assonnati 
 nelle pozzanghere basse. Gli alti fusti, di sopra, 
 guidati dal gusto della gioia 
 con mosse elettrizzanti.
 Il sole vi penetra ubriaco  
in giochi pirotecnici. In regalo parole schiette 
 per gesti intimi di passione. 
 Parole col potere di cambiare  
il consueto punto di vista.      

E se lo facessi

C'è una dose massiccia di ambiguità nelle cose e forse è ciò che le rende interessanti.

Dialogo di marionette

— Perché, mia piccola regina, mi fate morire di freddo? Il re dorme, potrei, quasi, cantarvi una canzone, ché non udrebbe! Oh, fatemi salire sul balcone! — Mio grazioso amico, il balcone è di cartapesta, non ci sopporterebbe! Volete farmi morire senza testa? — Oh, piccola regina, sciogliete i lunghi capelli d’oro! — Poeta! non vedete che i miei capelli sono di stoppa? — Oh, perdonate! — Perdono. — Così? — Così...? — Non mi dite una parola, io morirò... — Come? per questa sola ragione? — Siete ironica... addio! — Vi sembra? — Oh, non avete rimpianti per l’ultimo nostro convegno nella foresta di cartone? — Io non ricordo, mio dolce amore... Ve ne andate... Per sempre? Oh, come vorrei piangere! Ma che posso farci se il mio piccolo cuore è di legno? Sergio Corazzini, Dialogo di marionette