Passa ai contenuti principali

Dentro l'acquario

Questo è l'Altrove. Dunque c'è in qualche dimensione parallela e vicina.
Incredibile. Non è possibile accettare a lungo un mondo a una sola dimensione.



Commenti

  1. In un qualcheddove c'è anche un altrove, basta volerlo cercare.
    Splendida foto, come sempre

    RispondiElimina
  2. Ottimo scatto. Molto bello davvero.
    Complimenti al fotografo
    Il mio abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
  3. Sei in una nava spaziale e visiti un altro mondo...

    RispondiElimina
  4. Sembri proprio dentro l'acquario

    RispondiElimina
  5. ma è l'acquario di genova?

    RispondiElimina
  6. bellissimo l'acquariO!!! ma è aperto?

    RispondiElimina
  7. ti sei divertita a genova? mi piacerebbe molto andarci!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Fuoco silvano

Incendio d’autunno.
 Il bosco e l’acquitrino.
Il carice, gli sfagni, assonnati 
 nelle pozzanghere basse.
Gli alti fusti, di sopra, 
 guidati dal gusto della gioia 
 con mosse elettrizzanti.
 Il sole vi penetra ubriaco  
in giochi pirotecnici.
In regalo parole schiette 
 per gesti intimi di passione. 
 Parole col potere di cambiare  
il consueto punto di vista.


E se lo facessi

C'è una dose massiccia di ambiguità nelle cose e forse è ciò che le rende interessanti.


Dialogo di marionette

— Perché, mia piccola regina,
mi fate morire di freddo?
Il re dorme, potrei, quasi,
cantarvi una canzone,
ché non udrebbe! Oh, fatemi
salire sul balcone!
— Mio grazioso amico,
il balcone è di cartapesta,
non ci sopporterebbe!
Volete farmi morire
senza testa?
— Oh, piccola regina, sciogliete
i lunghi capelli d’oro!
— Poeta! non vedete
che i miei capelli sono
di stoppa?
— Oh, perdonate!
— Perdono.
— Così?
— Così...?
— Non mi dite una parola,
io morirò...
— Come? per questa sola
ragione?
— Siete ironica... addio!
— Vi sembra?
— Oh, non avete rimpianti
per l’ultimo nostro convegno
nella foresta di cartone?
— Io non ricordo, mio
dolce amore... Ve ne andate...
Per sempre? Oh, come
vorrei piangere! Ma che posso farci
se il mio piccolo cuore
è di legno?

Sergio Corazzini, Dialogo di marionette